keep it fresh logo
fresh menu leftfresh menu right
fresh photo

Ligato - Ceramiche di Seminara

Ligato è specializzati nelle varie lavorazioni della ceramiche.

L'arte di lavorare le ceramiche è un prezioso tesoro familiare che viene tramandato minuziosamente da padre in figlio con tutti i segreti di un mestiere antico: quello delle ceramiche di Seminara.

Le ceramiche di Seminara sono opere d'arte lavorate a mano in ogni dettaglio, le lavorazioni sono eseguite su committenza ed hanno il carattere proprio della ceramiche di Seminara, uniche ed irripetibili.


Home Informazioni
Notizie e Cenni Storici
Le maschere di Seminara e l’arte della ceramica calabrese . PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 07 Luglio 2007 09:54

Seminara, un piccolo paesino nella provincia di Reggio Calabria tra i comuni di Palmi e Bagnara Calabra, è noto per l’altissima qualità delle ceramiche maschera scaramantica di seminara artistiche, per le maschere apotropaiche. Una produzione artistica di ceramiche che per la particolare lavorazione e per gli oggetti in ceramica prodotti è presto identificata con ” ceramiche di Seminara “.

Infatti gli oggetti riprodotti nelle ceramiche artistiche di Seminara assumono una funzione apotropaica quasi animistica più che per la loro utilità pratica, le maschere di Seminara contro il malocchio o il babbalucco scaramantico ne sono la prova, il risultato di una miscela delle culture che hanno in passato interessato la Calabria.

Le tipiche maschere di Seminara hanno una profonda matrice della cultura greca ed erano poi le maschere orribili impiegate a scopo catartico in  teatro, tra le maschere figuravano le tre  Gorgoni ; altre tipologie di maschere hanno un aspetto orrido e grottesco con funzione di tenere lontani gli spiriti del male che, nella tradizione popolare calabrese, si concretizzano  negli invidiosi forieri del malocchio,  negli spiritelli maligni  e nel diavolo.

Ultimo aggiornamento Sabato 19 Marzo 2011 11:35
Leggi tutto...
 
Cenni Storici PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 16 Marzo 2011 18:26

Il centro ceramico calabrese più vitale e vivace del nostro tempo ha origini medievali. Si hanno notizie della sua esistenza come sito fortificato in età normanna.

I suoi ceramisti sono citati dal bolognese Leandro Alberti, che fu in Calabria nel 1521 e tenne un diario di viaggio pubblicato nel 1550 col titolo di: “Descrizione di tutta Italia”, e sono abitualmente definiti, nell’ambito dei blasoni popolari, “stagnacànteri” e “fischiottari” per il fatto che, soprattutto nel sec. XIX, producevano fischietti.

Nel Catasto Onciario del 1746 sono citati diversi artigiani compresi tra i 18 e i 62 ani, impegnati in 23 fornaci, site nel “Borgo dei pignatari”.

Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Marzo 2011 10:14
Leggi tutto...
 
Lavorazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 17 Marzo 2011 10:11

Forme e decori della tradizione ceramica seminarese


La tradizione bizantina è presente nelle cosiddette "teste di greco", tipicamente antropomorfe.

Il carattere distintivo più antico e costante della ceramica calabrese è, d’altra parte, costituito dall’adesione alla tecnica dell’ingobbiatura e del graffito, tipiche proprio della tradizione bizantina, in particolare di Squillace e Seminara.

Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Marzo 2011 10:13
Leggi tutto...
 


Carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.


feed-image Feed Entries


Powered by Joomla!. Designed by: eshop web hosting linux ftp hosting Valid XHTML and CSS.